borsino rifiuti
 
02 / 09 / 2020

ambiente Ordini boom per il primo green bond di Mediobanca


Superano 3,5 miliardi di euro gli ordini della prima emissione obbligazionaria "green" di Piazzetta Cuccia per un ammontare nominale pari a 500 mln. Un'ottima domanda a fronte di un rendimento fissato a 135 punti base sul tasso midswap



Superano quota 3,5 miliardi di euro gli ordini della prima emissione obbligazionaria "green" di Mediobanca, destinata a investitori istituzionali, per un ammontare nominale pari a 500 milioni di euro. Un'ottima domanda a fronte di un rendimento fissato a 135 punti base sul tasso midswap. Prima la guidance era stata rivista in area 140 punti base dopo un'indicazione in area 165 punti. Il bond ha durata 7 anni con scadenza l'8 settembre 2027. Il pricing dell'operazione, che ha rating Baa1 per Moody's, BBB per S&P e BBB- per Fitch, è atteso in giornata.

L'emissione è finalizzata a finanziare o rifinanziare alcuni progetti che rispecchiano i requisiti per i green e sustainable bond approvati da Mediobanca lo scorso giugno in coerenza con il Global Compact delle Nazioni Unite, a cui l'istituto ha aderito nel 2018. La sostenibilità è, infatti, parte integrante della strategia del gruppo che coniuga la crescita del business e la solidità finanziaria alla sostenibilità sociale, ambientale e economica, con l'obiettivo di creare valore nel lungo periodo per tutti gli stakeholder.

Il taglio minimo di sottoscrizione dell'emissione, che offrirà una cedola fissa annuale e sarà quotata all'Irish stock exchange, parte da 100 mila euro ed è in multipli di mille. Il consorzio di collocamento è composto da BbvaMediobanca, NatWest Markets, Santander e Unicredit (B&D). A Piazza Affari al momento il titolo Mediobanca sale dello 0,71% a quota 7,334 euro.


Come previsto la Bce ha dato il via libera alla Delfin di Leonardo Del Vecchio di aumentare la partecipazione in Piazzetta Cuccia dall'attuale 9,9% fino al 19,9% (secondo gli ultimi rumors l'imprenditore veneto in vista del rinnovo del cda nell'immediato potrebbe aumentare la propria partecipazione al 13-14%, superando così anche il patto di consultazione che riunisce il 12,5% del capitale, mentre per i restanti 6-7 punti percentuali ci sarà tempo per valutare nuovo acquisti e strategie ad essi connesse). Si ricorda che la holding Delfin di Del Vecchio è tenuta a comunicare il superamento della soglia del 10% e del 15% del capitale, entro quattro giorni di negoziazione. Inoltre, dopo il superamento della soglia del 10%, dovrà comunicare gli obiettivi che intende perseguire nei sei mesi successivi. (riproduzione riservata)
Condividi l'inserzione sui social

facebook     linkedIn     twitter    

I Prezzi Delle Materie Prime Seconde
Visualizza tutti i prezzi delle materie prime seconde
Valore dei rifiuti per il riciclo e lo smaltimento
Visualizza tutti i prezzi dei rifiuti a riciclo e smaltimento


Alcune dei nostri clienti

borsino rifiuti


BorsinoRifiuti è un marchio di Taebioenergy srl | via Magretti 22 - 20037 Paderno Dugnano (Mi) | P.IVA : 09179170965 | Tel 02 9102174 - e-mail: info@borsinorifiuti.com
Privacy - Credits - Cookies - © 2020 Borsino rifiuti